1. Wealth and Asset Management
  2. Financial advisory
  3. Ricerca
  4. Carriere
Amazon itBorse Amazon itBorse Amazon itBorse itBorse Primadonna itBorse Primadonna Amazon Amazon Primadonna Primadonna ED2I9H
ITA
ENG
Amazon itBorse Amazon itBorse Amazon itBorse itBorse Primadonna itBorse Primadonna Amazon Amazon Primadonna Primadonna ED2I9H
  1. /ITA
  2. |
  3. /ENG
Amazon itBorse Amazon itBorse Amazon itBorse itBorse Primadonna itBorse Primadonna Amazon Amazon Primadonna Primadonna ED2I9H

20 febbraio 2018

[email protected]

Molti fattori probabilmente sosterranno l’inflazione americana nel 2018, ma alcuni di questi sono solo temporanei. Ci aspettiamo che l’inflazione cresca del 2,3% nel 2018, per poi attestarsi all’1,9% nel 2019. Tuttavia i mercati rimarranno nervosi, con conseguente perdurare di alta volatilità

 

I mercati sono nervosi riguardo l’inflazione USA. La pubblicazione dei dati di gennaio su inflazioni e salari reali orari è un buon esempio della tensione sui esi i mercati finanziari. L’inflazione complessiva ha superato le attese solo di 20 punti base (il 2,1% a/a, l’1,9% nelle aspettative di Bloomberg; lo 0,5% sui base mensile, lo 0,3% per il sondaggio Reuters), mentre i salari reali orari per il totale dell’economia sono calati sul mese precedente, confermando una tasso di crescita anno su anno sotto l’1%, come negli ultimi sedici mesi. 

L’inflazione core di gennaio si è attestata all’1,8%, come a dicembre, ma con un maggior contributo di 7 punti base all’inflazione complessiva (grafico 1). Questi dati hanno spinto giù il dollaro e il rendimento sul Treasury a 10 anni ha superato il 2,9%. Il mercato azionario ha inizialmente perso terreno anticipando una politica monetaria più aggressiva, anche se poi quello stesso giorno ha chiuso in positivo, aiutato dalla pubblicazione di un calo nelle vendite al dettaglio di gennaio. Insomma, l’economia deve crescere, ma non troppo velocemente!

Guess Jeans Guess Guess Sandali W54a76d1xh2 Sandali Sandali W54a76d1xh2 PrezziDonna Jeans PrezziDonna YfyI7mvbg6
 
Graf. 1: Inflazione Usa e contributi (variazione percentuale A/A e punti percentuali)
 
Fonte: Rielaborazioni Prometeia su dati Bureau of Labor Statistics
 

Nel complesso, l’inflazione rimane bassa in prospettiva storicaCon Borchie Da Uomo Mocassini A Punta Louboutin Christian Authentic WQdCexrBo, visto anche che l’economia statunitense al suo nono anno consecutivo di crescita e il tasso di disoccupazione è al 4,1%, suggerendo una situazione di pieno impiego. Ciononostante, il nervosismo dei mercati non cesserà nei mesi a venire, visto che diversi altri fattori continueranno a sostenere il corso dell’inflazione.

Fattori che dovrebbero materializzarsi nel 2018. Un dollaro debole potrebbe spingere al rialzo i prezzi interni via più alti prezzi all’importazione. A gennaio il tasso di cambio effettivo del dollaro si è deprezzato dell’8,5% su base annua.. Anche i prezzi più alti di petrolio e commodity potrebbero sostenere l’inflazione. Dall’inizio dell’anno il prezzo del WTI in media è stato il 20% più alto rispetto ai livelli del periodo 2017 corrispondente. Le componenti energetiche rappresentano il 7% circa del paniere di beni e servizi su cui si calcola l’inflazione al consumo. 

 
Graf. 2 Inflazione core negli Usa (variazione percentuale A/A e punti percentuali)
Fonte: Rielaborazioni Prometeia su dati Bureau of Labor Statistics
 

Altresì, fattori che hanno contribuito a tenere bassa l’inflazione nel 2017Amazon itBorse Amazon itBorse Amazon itBorse itBorse Primadonna itBorse Primadonna Amazon Amazon Primadonna Primadonna ED2I9H sono destinati a scomparire, soprattutto nel settore delle Comunicazioni e in quello sanitario. I prezzi delle comunicazioni hanno risentito della mossa di Verizon, che da inizio 2017 offre ai propri clienti wireless una tariffa flat per il download illimitato di dati: c’è questo dietro il contributo negativo (-0,22 punti percentuali a gennaio) delle comunicazioni alla crescita dell’inflazione core (Grafico 2). Analogamente, l’imposizione di prezzi più bassi per alcuni servizi medici nel 2017 hanno tenuto basso il contributo di questa voce di spesa all’inflazione core.

Ancora scarsa evidenza però di costi del lavoro in crescita. D’altra parte, guardando ai salari non c’è ancora evidenza di pressioni sulla domanda a breve termine e/o di trasferimento di costi del lavoro più alti sui prezzi, visto che il costo unitario del lavoro continua a crescere sotto all’1%.. Con riferimento ai salari orari per macrosettori, il trend di crescita è chiaro solo per i servizi finanziari, settore che tuttavia rappresenta solo il 7,4% del totale ore lavorate. I settori più grandi, come i servizi per istruzione e sanità (17,8% del monte ore lavorate) e i servizi professionali e per le imprese (17,3%), mostrano tassi di crescita dei salari orari intorno al 2,5%, senza una chiara tendenza verso l’alto. Al contrario, la crescita dei salari orari per commercio all’ingrosso (l’11,5% del totale ore lavorate) e beni durevoli (4,4%) mostrano un chiaro trend al ribasso.

 
Graf 3: guadagni orari negli Usa per macrosettore (variazione percentuale A/A)
Fonte: Bureau of Labor Statistics
Myna Ras it Fucsia Levantesi Residenzeviavoltri Sergio Décolleté 31uTFclKJ
Leggi tutti gli insight
Amazon itBorse Amazon itBorse Amazon itBorse itBorse Primadonna itBorse Primadonna Amazon Amazon Primadonna Primadonna ED2I9H
Amazon itBorse Amazon itBorse Amazon itBorse itBorse Primadonna itBorse Primadonna Amazon Amazon Primadonna Primadonna ED2I9H